Busiate con sarde, macco di fave e finocchietto selvatico
Collaborazioni,  Home,  Primi,  Ultime ricette

Busiate con sarde, macco di fave e finocchietto selvatico

Assaggiaegusta in collaborazione con Feudo Mondello

Come promesso, eccoci qui con un primo piatto dal sapore quasi estivo che abbiamo realizzato utilizzando la strepitosa pasta artigianale “Feudo Mondello” .
La callosità di questa pasta integrale, unita al suo gradevolissimo sapore ed alla capacità di assorbire sughi e gusti, ci ha permesso di realizzare questa preparazione con il metodo “one pot”, creando un’armonia di sapori insieme alle fave, sarde e finocchietto selvatico che non avremmo ottenuto con altri tipi di pasta.
Le busiate con sarde, macco di fave e finocchietto selvatico, sono pura bontà. Provare per credere!

Ingredienti per 4 persone:

Busiate (Feudo Mondello) 320 gr.
Sarde fresche 400 gr
Fave sbucciate 300 gr
Finocchietto selvatico 100 gr
Cipollina fresca 100 gr
Pomodori pelati 2
Olio evo
Sale e pepe q.b.

Preparazione:

-La prima e più seccante operazione è quella di sbucciare le fave.
Ci servirà solo il cuore, quindi le fave andranno private sia del baccello, che del sottile strato di pelle che ricopre il seme.
Una volta fatto, sciacquatele bene e lasciatele in acqua fino a quando servirà utilizzarle.

-Adesso potrete dedicarvi alla pulizia delle sarde.
A noi occorreranno solo i filetti, quindi dovrete privare le sarde della testa, della lisca centrale e delle interiora.
Passate i filetti sotto abbondante acqua corrente e teneteli da parte.
Potete chiedere direttamente in pescheria di farvele pulire se non avete tempo o semplicemente vi da noia farlo.

-E’ il momento di cominciare la vera e propria preparazione.
-Munitevi di una pentola o di una casseruola dai bordi alti. Inserite al suo interno olio evo abbondante, un fine trito di cipollina fresca e la parte più tenera del finocchietto selvatico, altrettanto finemente tritato.
Fate andare per cinque minuti a fiamma medio bassa, poi aggiungete i due pomodori pelati, tagliati a pezzettoni e le fave.
A questo punto salate e pepate, fate andare un paio di minuti e poi aggiungete un litro e mezzo di acqua. Coprite e lasciate cuocere a fiamma bassa.

-Una volta portate a cottura le fave, assicurandoci però che tengano ancora la loro forma e non si sfaldino, prendete un paio di mestoli e passateli al minipimer.
Aggiungete nuovamente il composto appena frullato in pentola e alzate la fiamma.
In questo modo otterrete più cremosità e non stracuocerete le altre fave che, in questo modo, avrete il piacere di gustare intere.
Ora possiamo aggiungere i filetti di sarde che si disfarranno in pochissimo tempo.
Abbiate cura di tenere qualche filetto di sarde da parte per la decorazione finale del piatto.

-Verificate, a questo punto, che non manchi il liquido, perché caleremo direttamente la pasta all’interno della pentola.
Quindi, se non ce n’è abbastanza, aggiungete dell’acqua adesso, portate a bollore e calate la pasta.

-Mentre la pasta sta cuocendo, possiamo prendere i restanti filetti che avevamo messo da parte per scottarli il padella ed utilizzarli per la decorazione.
Potete anche friggerli per ottenere un risultato più croccante. Avete spazio di manovra per scegliere, a vostro piacimento, come procedere in questo passaggio del tutto opzionale ma che vi consiglio di fare.

-Una volta cotta la pasta, impiattate, decorate con un ciuffo di finocchietto, dei filetti di sarde e godetevi questa delizia!

 

Vi è piaciuta la nostra ricetta?

Se la ricetta vi è piaciuta, lasciateci un commento, vi risponderemo volentieri.

Preparate per parenti ed amici, le busiate con sarde, macco di fave e finocchietto selvatico, non rimarrano delusi, successo assicurato. Vi invitiamo pertanto a provare questa ricetta e se deciderete di condividere la foto delle busiate con sarde, macco di fave e finocchietto selvatico su Instagram, targateci sul profilo @ileniasi, ci farà piacere.

Utilizzate #assaggiaegusta per far parte della nostra gallery,

Seguiteci anche su Facebook: assaggiaegusta  per non perdervi tutte le nostre ricette.

Vi aspettiamo anche su Pinterest: assaggiaegusta

Buon assaggia e gusta e tutti!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *